Dallo sfondo cromaticamente serio e oscuro quest'opera rappresenta l'infinito con l'azzurro,  e le due "scatole" bianche aperte e comunicanti tra di loro, rappresentano soluzioni custodite nella mente di ogni Essere. Sin da ragazzino ho sempre immaginato
Scatole magiche - tecnica mista su legno 72x60x3

 

"Scatole magiche"

 

Dallo sfondo cromaticamente serio e oscuro quest'opera rappresenta l'infinito con l'azzurro,  e le due "scatole" bianche aperte e comunicanti tra di loro, rappresentano soluzioni custodite nella mente di ogni Essere. Sin da ragazzino ho sempre immaginato alle soluzioni provenienti da posti infiniti nell'Universo.. Da quel che so la mente di ogni essere non alberga nel cervello, che ha una funzione probabilmente solo comunicativa e ricettiva del corpo fisico con l'Universo. Quindi immagino ad una mente fuori dal corpo come delle scatole in cui c'e' la soluzione per tutto: basterebbe aprirle, o, saperle aprire, per ottenere risposte e/o informazioni che ci servono nella vita quotidiana.

Ottime le energie vibratorie di quest'opera.

 

 

©2017-2019  Francesco Cannone  All rights reserved

 I miei dipinti  sono astrazioni emotive provenienti dal'inconscio, quindi dal cuore.

Non punto necessariamente sulla bellezza dei colori, delle pennellate o di grandi effetti cromatici ma voglio solo fidarmi del mio istinto che mi invita a fermarmi e cosi capisco che l'opera e' completata. 

Mi piace quando chi osserva i miei quadri astratti li personalizza a proprio modo con l'immaginazione  e cosi comprendo che ognuno puo' essere artista usando, appunto, la propria immaginazione che non e' casuale ma proveniente dagli spazi  infiniti dell'Universo dove tutto esiste, dove tutto e' collegato, dove tutto il sapere e' li a disposizione di tutti. 

 

 Francesco Cannone

vive e realizza le sue opere a Bitonto 

 

Per appuntamento e'  possibile  visionare le opere dal vivo se disponibili

 

Virtual interior designer


Francesco Cannone

Arte Astratta

70032  Bitonto

Bari

I T A L I A

Developed and Designed by Francesco Cannone